Cerca nel sito


Contatti

Lesioni spinali e trapianto cellule staminali adulte

 

Il midollo spinale è la via di comunicazione che permette di portare il segnale nervoso dal cervello alle zone periferiche del corpo. Esso è contenuto all’interno di una struttura ossea che percorre la colonna vertebrale dal cranio fino alle ultime vertebre sacrali.

 

 

 

Il midollo spinale e composto dalle fibre nervose motorie in uscita o discendenti e da quelle sensoriali in ingresso o ascendenti.

 

 

 

 

Le lesioni spinali sono derivati da eventi traumatici più e meno estesi dei tratti spinali con perdita di funzionalità motoria e sensibilità quasi immediata. Nella maggior parte dei casi sono lesioni totalmente invalidanti che portano alla perdita di funzionalità della zona anatomica di proiezione a seconda del livello spinale che viene coinvolto.

 

 

 

 

In molti casi possono essere letali, soprattutto se coinvolgenti il tratto di colonna cervicale e quindi con implicazione dei nervi cranici, solitamente legati alla vita vegetativa dell’organismo. Lesioni di questo tipo possono provocare, oltre a paralisi totale dell’organismo nei casi meno gravi, alla morte del paziente per insufficienza respiratoria grave. Il principale problema legato a questo tipo di lesione e l’assoluta mancanza di rigenerazione dei tratti implicati nella lesione, con conseguente formazione di tessuto cicatriziale fibroso che rende del tutto impossibile la riformazione dei tratti nervosi che vengono lesi.

In  questo campo gli studi di medicina rigenerativa sono abbastanza indietro nel trovare una soluzione che permetta una piena ripresa funzionale della conduttività nervosa. Le  cellule staminali potrebbero essere uno strumento fondamentale negli studi di medicina rigenerativa dei traumi spinali date le loro caratteristiche differenziative e la loro elevata plasticità. Studi in vitro hanno sottolineato come, a seconda della componente isolata, queste cellule siano in grado di differenziare in tutti gli elementi nervosi. Inoltre, data la presenza solitamente di una frazione ematopoietica, possono produrre vasi e cellule della linea leucocitaria in grado di “digerire” il tessuto cicatriziale e quindi permettere la riformazione delle vie di conduzione lese. In questo orizzonte lo sviluppo di appositi protocolli e matrici di differenziamento potrebbe portare a sviluppi interessanti nel recupero da danni spinali gravi. Gli studi effettuati su modello animale dimostrano l’efficacia dell’utilizzo di cellule staminali nella ripresa funzionale in animali lesionati sperimentalmente(11).

 

Ora la sfida è passare all’utilizzo clinico, dove i pochi studi effettuati finora utilizzando le cellule staminali mesenchimali mostrano una elevata efficacia nella ripresa dal danno traumatico e da sindromi che intaccano la funzionalità midollari. In ogni caso i primi trials preclinici effettuati in pazienti affetti da traumi spinali di diversa origine e con diversa gravità hanno dimostrato miglioramenti in un lasso di tempo relativamente breve (follow up di circa 4-6) sottolineando la possibile efficacia di queste cellule nell’indurre la produzione o nel differenziare esse stesse in elementi nervosi. La ripresa di parte della sensibilità e della funzione motoria, nonché la ripresa di una qualsiasi attività elettrica in questi pazienti indica un iniziale recupero del danno provocato dalla lesione (1,2,3,4,5,7,8,9,10,11).

 

Sono stati effettuati anche studi con cellule mesenchimali derivate da cordone ombelicale che sottolineano come vi sia un miglioramento usando le mesenchimali cordonali, aprendo una possibile via alternativa all’utilizzo di queste cellule in fase clinica. (6) Purtroppo non esistono ancora protocolli definitivi sull’uso di queste cellule in ambito di rigenerazione tissutale ma solo trial clinici con lo scopo di produrre una serie di linee guida per lo sviluppo di metodologie efficaci per la cura sul tessuto lesionato.

 


Lesioni spinali


Cell Tissue Res. 2008 Jan;331(1):301-22. Epub 2007 Sep 28.

Human stem cells for CNS repair.

Zietlow R, Lane EL, Dunnett SB, Rosser AE.
Brain Repair Group, School of Biosciences, Cardiff University, Cardiff, CF10 3US, UK. zietlowr@cf.ac.uk
Histol Histopathol. 2009 May;24(5):631-42.

Induction system of neural and muscle lineage cells from bone marrow stromal cells; a new strategy for tissue reconstruction in degenerative diseases

Kitada M, Dezawa M.
Department of Stem Cell Biology and Histology, Tohoku University Graduate School of Medicine, Sendai, Miyagi, Japan.
Zhongguo Xiu Fu Chong Jian Wai Ke Za Zhi. 2007 May;21(5):507-11.
Chen S, Lin J.

[Advances in repair of spinal cord injury by transplantation of marrow mesenchymal stem cells]

Division of Human Anatomy and Histology-Embryology, Fujian Medical University, Fuzhou Fujian, 350004, P. R. China. chensq6677@sina.com.cn
Bull Exp Biol Med. 2006 Jan;141(1):117-20.

Characteristics of bone marrow cells under conditions of impaired innervation in patients with spinal trauma.

Chernykh ER, Shevela EY, Leplina OY, Tikhonova MA, Ostanin AA, Kulagin AD, Pronkina NV, Muradov ZhM, Stupak VV, Kozlov VA.
Institute of Clinical Immunology, Siberian Division of Russian Academy of Medical Sciences. ct_lab@mail.ru
Birth Defects Res C Embryo Today. 2003 Aug;69(3):250-6.

Biology and clinical applications of mesenchymal stem cells.

Barry FP.
Osiris Therapeutics Inc., 2001 Aliceanna St., Baltimore, MD 21231, USA. fbarry@osiristx.com
Chin Med J (Engl). 2009 Jan 20;122(2):225-31.

Human umbilical cord mesenchymal stem cells and the treatment of spinal cord injury.

Cao FJ, Feng SQ.Department of Orthopaedics, General Hospital of Tianjin Medical University, Tianjin 300052, China.
Cytotherapy. 2006;8(3):202-9

Combined protocol of cell therapy for chronic spinal cord injury. Report on the electrical and functional recovery of two patients.

Moviglia GA, Fernandez Vińa R, Brizuela JA, Saslavsky J, Vrsalovic F, Varela G, Bastos F, Farina P, Etchegaray G, Barbieri M, Martinez G, Picasso F, Schmidt Y, Brizuela P, Gaeta CA, Costanzo H, Moviglia Brandolino MT, Merino S, Pes ME, Veloso MJ, Rugilo C, Tamer I, Shuster GS.
Instituto Regina Mater, Paraguay 2452, Buenos Aires, 1121 ABL, Argentina. gmoviglia@reginamater.com
Exp Clin Transplant. 2009 Dec;7(4):241-8.

Autologous bone marrow derived mononuclear cell therapy for spinal cord injury: A phase I/II clinical safety and primary efficacy data.

Kumar AA, Kumar SR, Narayanan R, Arul K, Baskaran M.
Department of Stem Cells, Lifeline Institute of Regenerative Medicine, Rajiv Gandhi Salai, Perungudi, Chennai.
Cell Transplant. 2006;15(8-9):675-87.

Autologous bone marrow transplantation in patients with subacute and chronic spinal cord injury.
Syková E, Homola A, Mazanec R, Lachmann H, Konrádová SL, Kobylka P, Pádr R, Neuwirth J, Komrska V, Vávra V, Stulík J, Bojar M.

Center for Cell Therapy and Tissue Repair, Charles University, Prague, Czech Republic. sykova@biomed.cas.cz
Brain Res. 2010 May 11. [Epub ahead of print]

Intravenous administration of mesenchymal stem cells derived from bone marrow after contusive spinal cord injury improves functional outcome.

Osaka M, Honmou O, Murakami T, Nonaka T, Houkin K, Hamada H, Kocsis JD.
Department of Neurosurgery, Sapporo Medical University School of Medicine, Sapporo, Hokkaido, Japan.

Vai a pagina 2
Sei a pagina 1